Italia Dropship

Unico vero modo di fare ecommerce e dropship in Italia

5 mosse per evitare l’abbandono del cliente ed aumentare le tue vendite in dropship

Ciao, come stai? In questo blog ti parlerò di 5 strategie per il tuo ecommerce in dropship per evitare che il cliente abbandoni l’acquisto dopo aver inserito il prodotto da lui scelto nel carrello elettronico o comunemente detto shopping cart.

Scrivendo questo articolo mi sono venute in mente delle pubblicità che ho visto sia recentemente, che parlavano dell’abbandono del cliente e di come queste aziende invece a differenza di altri si preoccupavano di coccolarlo, di farlo stare bene e di farlo sentire una persona
importante e di supportarlo prima e durante l’acquisto. Bene questa azienda secondo me ha capito una cosa importante, il cliente va sempre supportato durante l’acquisto sia prima che durante che dopo. Questa è la regola principale del customer care che è anch’essa una leva di marketing molto importante soprattutto perché fa aumentare le vendite del tuo ecommerce in dropship.

Questo va a colmare un problema che più o meno affligge tutti gli ecommerce a prescindere che siano dei bazar store o dei negozi di nicchia in dropship o dei piccoli ecommerce: l’abbandono del carrello elettronico.

La percentuale di abbandono del tuo shopping cart dipende da come hai strutturato il processo che porta alla vendita finale ed è molto importante che tu ti adoperi per tracciare con strumenti statistici l’abbandono del tuo shopping cart ciò fa la differenza tra un ecommerce di successo e una potenziale perdita.

La percentuale di abbandono del carrello elettronico statisticamente è molto alta, si parla di una cifra che si aggira tra il 60% e il 70%. Cosa significa questo? Se tu hai 100 persone che entrano nel tuo ecommerce e il 65% abbandona il processo di acquisto, tu perdi bene 65 vendite! Pensa in termini di entrate nette, se il tuo guadagno medio per ogni vendita è di 50 euro, lasci nel piatto ben 3250 euro! E per dirla tutta, non lasci solo 65 vendite incompiute ma anche 65 nuovi potenziali clienti che avrebbero potuto incrementare il tuo business online in dropship.
Molti dei fattori che contribuiscono all’abbandono del carrello elettronico sono fuori del tuo controllo se sei un venditore online, comunque ti puoi focalizzare su alcuni aspetti in particolare che ti aiuteranno a ridurre questo fastidiosissimo fenomeno nel tuo negozio online in dropship.

1. Per salvare le vendite, comunica con i clienti una volta avvenuto l’abbandono del carrello elettronico. Usa un follow-up via email (circa 7 giorni dopo che i tuoi clienti hanno lasciato i loro prodotti nel carrello) per ricordare al cliente che ha lasciato i prodotti nel carrello e non ha completato l’ordine. Quando spedisci l’email cerca di fornire una formattazione tale che ricordi il tuo sito web utilizzando i tuoi loghi e le immagini dei prodotti presenti nel carrello. Dagli la possibilità di poter visualizzare il suo ordine incompleto per almeno 30 giorni.
2. Offri incentivi nei tuoi messaggi successivi. Una buona strategia per convincere il tuo cliente ad acquistare è quella di dargli uno sconto ad esempio del 10% o le spese di spedizione gratuite o dargli la possibilità di non pagare un sovrapprezzo per il contrassegno.
3. Invia più di una email. Invia una seconda email per ricordare al cliente che l’ordine non è stato completato 5 giorni dopo aver inviato il primo messaggio. A differenza della prima email qui tu potrai far leva sull’offerta limitata, infatti dirai al tuo cliente che lo sconto del 10% o poco più (infatti potresti anche aumentare di poco la percentuale) sarà valido solo se effettua l’ordine entro 24h.
4. Usa questa opportunità per stringere una relazione con il cliente. Dopo circa 25 giorni dall’abbandono del carrello potresti inviargli una mail dicendogli che il suo ordine sta per essere cancellato dopo che i prodotto da lui scelti sono rimasti per 30 giorni salvati nel suo account. Ricordati sempre di usare un tono molto amichevole e ringrazia in qualsiasi modo il tuo cliente per aver visitato il tuo sito. Approfitta di questa email per stringere delle significative relazioni e fargli capire che in ogni caso sei sempre a sua disposizione, questo vedrai che premierà il tuo business.
5. Controlla il livello delle tue scorte di magazzino. Accertati di avere un sistema che ti allerti sul livello delle scorte dei tuoi prodotti sia che tu li abbia nel tuo magazzino sia che siano presso il fornitore in dropship. Questo ti permetterà di evitare gli abbandoni dello shopping cart nei casi in cui il cliente aggiunga un prodotto che si riveli non presente temporaneamente nel magazzino.

Buon Business

Alex

Se ti piace questo post iscriviti ai miei RSS feed!

Come migliorare il sistema di navigazione del tuo Ecommerce in Dropship

Benvenuto/a alla seconda parte della costruzione del sistema di navigazione efficace del tuo negozio online in dropship”.

I clienti che visiteranno il tuo ecommerce in dropship non tutti vi accederanno attraverso la home page, così vorranno sapere dove si trovano quando arrivano sul negozio online con il rischio che si “smarriscano” all’interno del tuo sito web per poi abbandonarlo senza aver effettuato l’acquisto.

Una soluzione a questo è un sistema di navigazione che include il nome della pagina corrente e una serie di link disposti gerarchicamente in modo tale da Continua..

Se ti piace questo post iscriviti ai miei RSS feed!

Come impostare il sistema di navigazione del tuo E-commerce in dropship: le basi

Uno dei principali fattori che incide  sul successo del tuo e-commerce in dropship è il sistema di navigazione. Per la maggior parte dei tuoi visitatori la distanza tra il loro completamento dell’acquisto sul tuo sito di dropshipping e l’abbandonare il tuo e-commerce per andare altrove è solo questione di POCHI CLICK!

Se tu riuscissi a migliorare la navigazione del tuo sito di e-commerce facendo trovare ai tuoi visitatori ciò di cui stanno cercando in maniera efficiente in pochi click, allora avresti maggiori possibilità di vendere i tuoi prodotti. In poche parole: il prezzo da pagare per un errato sistema di navigazione è il calo delle vendite!

Cosa rende un sistema di navigazione efficiente ed apprezzabile per i tuoi visitatori?

Un primo fattore da tenere in considerazione  sono Continua..

Se ti piace questo post iscriviti ai miei RSS feed!

Come utilizzare i motori di ricerca per il tuo ecommerce in dropship

Ciao e ben ritrovato/a per la seconda parte dell’ottimizzazione del suo ecommerce in dropship.

L’articolo precedente ha trattato il controllo dei tuoi link e il peso delle pagine web del tuo negozio in dropship tutto questo lo puoi trovare qui http://www.italiadropship.com/ecommerce/come-ottimizzare-il-tuo-sito-di-e-commerce-settaggio-e-consigli/

La promozione del tuo ecommerce in dropship deve passare soprattutto attraverso l’iscrizione ai motori di ricerca ed alle directory specialmente se riferite alla tua nicchia di mercato.

La promozione sui motori di ricerca del tuo ecommerce in dropship

I motori di ricerca sono siti web speciali che aiutano le persone a trovare qualunque tipo  di informazione presente su internet.

I motori di ricerca fra cui Google, per poterti dire dove si trova una pagina web o un documento o altro devono effettuare Continua..

Se ti piace questo post iscriviti ai miei RSS feed!

Come ottimizzare il tuo sito di E-commerce: settaggi e consigli parte 1

Ciao come stai? Oggi voglio parlarti di come ottimizzare un sito di ecommerce prima di pubblicizzarlo online.

Quando promuovi il tuo sito di ecommerce vuoi essere sicuro che i tuoi potenziali clienti torneranno ancora a farti visita. Ecco una lista di cose da fare per far si che i tuoi visitatori ritornino più volte nel tuo sito di e-commerce.

Controlla i tuoi links

La promozione di un sito web inizia con uno spider di un motore di ricerca (es. Google) che indicizza e cataloga il tuo sito seguendo i links da una pagina ad un’altra. Proprio come i visitatori non amano un link errato, così fanno gli spiders. Se un link non funziona essi si spostano nella successiva pagina, questo va al di là di quanto sia sofisticato il software di un motore di ricerca, infatti non può indicizzare quello che non riesce a trovare. Inoltre ricorda che lo spider non segue un link che richiede una iscrizione tramite form o Javascript.

Se stai usando HTML e CSS nel tuo sito di ecommerce, controlla che entrambi lavorino correttamente per permettere allo spider di Continua..

Se ti piace questo post iscriviti ai miei RSS feed!

 

Chiudi
Invia e-mail